Nuove opportunità per l’Abruzzo, considerando il cambio di rotta del turismo dell’Est, verso l’italia.

Lo riferiscono i tour operator russi.

Ma la sfida che ci lancia il turismo dall’Est , deve essere raccolta con una politica strategica infrastrutturale, non solo mera inutile promozione.

Occorre aprire una miriade di cantieri strategici per rendere fruibile la Regione.

Inoltre ripensare la promozione in chiave geopolitica dell’Abruzzo.

Solo un Governo regionale di Centro-Destra potrà realizzare tali strategie, a trazione Destra.

La Sinistra e il Movimento 5 Stelle non hanno le capacità progettuali e ideali per realizzare questo, entità politiche che dove hanno governato hanno portato solo regressione.

I percorsi regionali sostituiranno i tour classici in Italia per i russi.

I classici itinerari turistici in Italia, che nell’attuale situazione economica hanno perso la loro redditività, in futuro saranno sostituiti con percorsi regionali. Lo ha dichiarato oggi a Sputnik il direttore dell’agenzia viaggi in Italia TezOro, Viktor Sergeyev.

“Nell’attuale situazione economica, i turisti russi praticamente non fanno spese aggiuntive all’estero. La gente inizia ha iniziato a spendere i propri soldi con molta attenzione, evitando lo shopping. Perciò le mete canoniche del turismo italiano, come l’Italia classica, in declino già dagli anni Novanta del secolo scorso, ora stanno semplicemente scomparendo”, ha spiegato Sergeyev.

Egli, allo stesso tempo, si è detto sicuro che il turismo non scomparirà, poiché è diventato necessario per le persone come cibo o sonno. In ogni crisi, una persona che è abituata a viaggiare risparmia denaro per andare da qualche parte, ma il formato del viaggio è diverso.

“Il processo di organizzazione di una vacanza è in costante cambiamento, a volte in modo molto radicale: nel caso dei classici italiani, dopo aver abbandonato il mercato turistico di questo paese, i due maggiori aggregatori, che detenevano quasi tutto il flusso turistico di ingresso dalla Russia, hanno chiuso i battenti, influenzando la linea di prodotti del mercato italiano e i prezzi, che hanno subito iniziato a salire”, ha spiegato.

Sergeyev crede che nella loro forma precedente i tour classici in Italia sarebbero difficili da ripristinare. Molto probabilmente, come fanno altri mercati turistici europei, si svilupperanno a livello regionale.

“I turisti sono più attratti dal tipo di vacanza in cui possono riposarsi, prendere il sole e, di tanto in tanto, fanno escursioni locali nella regione”, ha concluso Sergeev.

Tratto da:  https://it.sputniknews.com/amp/mondo/201901037047151-turismo-russia-italia-percorsi/?__twitter_impression=true&fbclid=IwAR2SabQeIXW9QDAOl5LI462psLEVuG2Lsr05BEmZtO6ThB65rAOLecI_slo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here