Nasce CANTIERE PESCARA una comunità civica e partecipativa che ha come l’obiettivo di perseguire obiettivi di crescita e sviluppo di Pescara.

CANTIERE PESCARA sosterrà  i candidati che si prenderanno l’impegno di sottoscrivere il programma che verrà divulgato da queste pagine.

CANTIERE PESCARA non è un semplice programma, ma un obiettivo,  la ricerca della “Bellezza”.

Un merito all’immigrazione.

CANTIERE PESCARA  intende profondere il massimo impegno affinché il fenomeno dell’immigrazione si sviluppi in modo armonico e compatibile con la realtà economica, sociale e culturale del Comune, anche con un approfondimento ed uno studio, da fare unitamente alle realtà maggiormente integrate, e rispettose delle nostre regole, delle problematiche dei cittadini extracomunitari.

Se da una parte dovrà essere favorito un inserimento armonico degli immigrati, superando il rischio della creazione di microghetti e l’isolamento in una via, in un palazzo, in un luogo avulso dal mondo che li circonda, dall’altra non potrà non esserci il doveroso e rigoroso rispetto, da parte degli stessi immigrati, di regole, leggi, tradizioni, cultura, convinzioni e radici religiose, e di quanto costituisce comunque il nostro patrimonio insopprimibile.

Il tutto alla ricerca di una convivenza che non sia univoca ed equivoca e che non si faccia carico esclusivo delle difficoltà dell’integrazione.

Per realizzare questo obiettivo, è fondamentale diversificare l’atteggiamento del Comune nei confronti dei cittadini extra comunitari in possesso di un regolare permesso di soggiorno e che vivono della propria attività lavorativa, rispettando le leggi e la cultura del Paese che li ospita, da quello verso coloro che vivono nell’illegalità, spesso cercando di imporre uno stile di vita, di usi e di tradizioni incompatibili con i nostri.

Intendiamo promuovere una forte collaborazione tra l’Amministrazione Comunale e le Forze dell’Ordine, affinché siano effettuati tutti gli sforzi possibili per garantire la permanenza dei soli cittadini extra comunitari aventi diritto, così come pure per garantire la massima sicurezza e tutela dell’ordine pubblico in tutte le zone della città, comprese quelle più esposte, e che si stanno trasformando in quartieri “fuori controllo”, in cui i Pescaresi  ed Italiani si sentono quasi … stranieri, favorendo una presenza più stabile, incisiva e continua di agenti di P.S., di carabinieri e di vigili urbani, ed una più attenta e mirata attività di controllo, volta al rispetto delle normative, anche regolamentari, esistenti, e ciò grazie ad una presenza costante, nel quartiere, di un vigile.

Riteniamo inoltre che, pur dovendosi tutelare i cittadini extra-comunitari, ciò non possa avvenire a danno dei cittadini italiani: per questo motivo, CANTIERE PESCARA  intende  procedere all’assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Sovvenzionata secondo graduatorie più eque e non sbilanciate a danno delle famiglie italiane.

Il problema della locazione di immobili a cittadini extra-comunitari o comunque stranieri, per la difficoltà di veder concretamente mantenuti gli impegni economici (regolare pagamento dei canoni), è molto sentito: deve essere  intenzione della nuova Amministrazione, previa istituzione di un “Ufficio Casa” ben articolato, prevedere un piano che veda, da un lato, la presenza delle aziende e, dall’altro, quella dell’Amministrazione Comunale con la stipula di un accordo – convenzione che tuteli i proprietari degli immobili, con punto qualificante la garanzia del pagamento da parte delle aziende – datrici di lavoro direttamente ai proprietari degli immobili locati, in caso di inadempienza dei conduttori – cittadini stranieri, anche mediante apposite trattenute sugli stipendi – salari per il relativo recupero, e fermo il dovuto rispetto dei limiti di legge per tali trattenute.

Ciò aprirebbe il mercato e darebbe sicurezza ai proprietari di abitazioni che spesso sono dubbiosi o contrari ad affittare i propri immobili ad extra-comunitari per la aleatorietà dei relativi pagamenti e per la scarsa certezza di vederli perseguire.

Importanti ricadute ci saranno sul comparto edilizio, i proprietari saranno invogliati  investire sulla ristrutturazione.

Dovrà essere costituito altresì un apposito ufficio con il compito di ascoltare e risolvere i problemi che si presentano agli immigrati, dal rinnovo del permesso di soggiorno alla conoscenza della nostra struttura scolastica, sanitaria, ecc., alla realizzazione di corsi per la conoscenza di lingua e cultura italiana, favorendo una maggiore facilità di “integrazione rispettosa”.

Dovrà realizzarsi una distribuzione proporzionata nelle classi scolastiche degli alunni figli di cittadini e di immigrati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here